Prodotti perfetti dal 1883

“Realizzare prodotti perfetti”: questo scrissero nel 1883 i fondatori nello statuto della neonata Latteria di Soligo, indicandoci così una missione il cui valore supera qualsiasi definizione moderna di marketing. Non si limitarono a definirli prodotti “buoni”, “eccellenti” o “di alta qualità”, scrissero “perfetti”, comunicando con ciò prodotti che devono rappresentare il più alto grado delle conoscenze culturali e scientifiche del proprio tempo, nel rispetto della propria terra, della sua storia e delle sue tradizioni; essere, infatti, perfetti. Questo è anche l’impegno che si sono assunte generazioni di amministratori, di maestranze, di allevatori e di tanti che in rete con la Latteria hanno fatto sì che il nostro marchio sia conosciuto e amato dai consumatori, ai quali va la nostra totale dedizione. Il latte, che è la nostra materia prima, ha trovato nella nostra lunga vita aziendale molteplici trasformazioni anche innovative, ma sempre all’insegna della genuinità, del gusto e della tutela di un’identità forte e in alcuni casi unica. Essere una Cooperativa di Soci produttori di latte è la nostra unicità e, sulle orme dei padri fondatori, continuiamo a credere che l’agricoltura sia un bene culturale ed economico da tutelare poiché è ancora in grado di dare benessere e di farci stare meglio in un ambiente buono da vivere.  

Lorenzo Brugnera

Presidente C.d.A.

maggiori informazioni

Navigazione

130 anni latteria soligo

Da 130 anni 
siamo fieri di essere l’azienda di tutti

Estratto dall’atto costitutivo della Latteria redatto nel 1883

“… avere per costituita in Soligo una Società Anonima Cooperativa sotto il nome Latteria di Soligo. Avrà la durata di trent’anni dalla data della sua costituzione. Essa ha l’oggetto di acquistare il latte onde trarne prodotti perfetti utilizzandoli tutti; aprire per essi un commercio anche su larga scala; corrispondere ai portatori del latte un sicuro guadagno; incoraggiare gli allevatori del bestiame al progressivo miglioramento delle razze bovine, all’aumento delle vacche, e dividere tra gli azionisti gli utili della gestione. ...”

 

Fondata nel 1883, tra le prime Cooperative sorte in Italia, la Latteria di Soligo è una delle aziende simbolo nel settore lattiero-caseario della Marca Trevigiana. Nei primi anni si è sviluppata nell'area del Pievigino, aprendo più caseifici nell'area compresa tra Col San Martino e Refrontolo. Il numero dei soci è aumentato di anno in anno arrivando, nel 1943, a sessant'anni dalla costituzione, a 2300 unità, confermando il forte legame con il territorio della Cooperativa. Una storia fatta di personaggi importanti, come il Cav. Ezio Spina, che ha legato il suo nome alla Latteria di Soligo per più di cinquant'anni, ricoprendo nella sua carriera la carica di direttore e presidente.

 

Tra i primi a puntare in modalità di confezionamento come il Tetrapak, per lo stoccaggio del latte a lunga conservazione (negli anni Settanta) e in prodotti innovativi come il Formajo Imbriago di Monovitigno (in collaborazione con la Scuola Enologica di Conegliano) e la mozzarella cubettata, la Latteria di Soligo ha dimostrato nella sua lunga storia capacità creative e lungimiranti. Da ricordare l'introduzione della rintracciabilità di filiera online per alcuni prodotti (casatella e latte Alta Qualità) nel 2001, per quello che è stato il primo caso nel mercato del lattiero-caseario italiano.

 

Parte importante della sua storia sono anche le fusioni, alcune minori ma altre molto importanti: ad esempio, quella con la Latteria di Vazzola (1953), Trevenlat (1989) e Latteria Cattolica di Breganze (2003). Fusioni che hanno permesso alla Latteria di Soligo di raggiungere una dimensione nazionale. L'ultima fusione importante, quella con la Cooperativa del Vicentino, ha permesso di entrare dalla porta principale in un mercato importante come quello dell'Asiago DOP.

 

 

La filiera della Latteria di Soligo

Il nostro concetto di filiera è un racconto affascinante e tenero allo stesso tempo, dove le tecnologie sono importanti quanto il “sapere del casaro”, in un equilibrio che garantisce ai consumatori sia gli antichi sapori che le sfiziosità valorizzate dalle diete moderne. La nostra filiera garantisce che il latte è prodotto da mucche che noi alleviamo e che viene lavorato da noi, che i prodotti sono confezionati da noi e che la stessa distribuzione commerciale è curata da noi. 

  • Il fattore più importante: le vacche

    Le vacche sono allevate dai nostri soci, vivono nelle nostre stalle in modo confortevole, con buona circolazione d’aria e un numero di mangiatoie adeguato al numero delle bovine presenti. Sono nutrite con una dieta bilanciata conforme al fabbisogno nutrizionale. Nelle mangiatoie gli alimenti sono distribuiti a volontà e sempre disponibili. Tutto ciò per seguire le abitudini di vita che gli animali hanno in natura e ottenere un latte di eccellente qualità.

  • Formazione costante sia dei soci allevatori sia dei collaboratori

    Il nostro vero patrimonio sono le persone, i loro saperi e le loro competenze; per questo i percorsi di formazione sono una costante nel nostro modello d’impresa. È importante che tutti condividano il valore della tradizione, del gusto e delle tipicità, così come dell’innovazione nella ricerca per quanto riguarda il benessere e la valorizzazione delle proprietà nutritive del latte.   

     

  • Controlli continui su tutta la filiera

    Gli impianti di mungitura rispettano le norme internazionali per contribuire al benessere animale e non alterare la naturale qualità del latte. Tutto il processo, dalla stalla alla centrale del latte, è attentamente controllato e verificato. 

  • Lavorazione e trasformazione del latte

    Le attenzioni per produrre latte eccellente devono trovare altrettanta attenzione lungo tutto il processo produttivo. A cominciare dalla specializzazione per cui ogni latte – a seconda della provenienza e del contenuto di grassi e proteine – è adatto ad essere imbottigliato per il consumo quotidiano o ad essere trasformato in formaggi, mozzarelle, burro, casatella e così via; alla Latteria di Soligo ogni latte prende la sua strada migliore.

    Il nostro buono è fatto anche di sostenibilità ambientale negli allevamenti e nei cicli produttivi con l’impiego di energie rinnovabili e anche con l’uso di packaging totalmente riciclabile. La qualità non è una casualità ma è il frutto di un lavoro impegnativo e programmato.

  • Distribuzione capillare

    Ogni mattina 80 mezzi refrigerati prendono la via dei supermercati, negozi di vicinato, bar, ristoranti, latterie, gastronomie e panetterie per distribuire in modo capillare tutta la freschezza dei nostri prodotti. Anche questo impegno ha lo scopo di far arrivare prima possibile sulla tavola di ogni consumatore la squisitezza dei nostri “prodotti perfetti”.

I nostri soci

Il cuore della nostra qualità nasce qui nelle stalle dei nostri soci che si dedicano con passione e competenza a produrre latte, alimento prezioso e genuino ideale per proporre da oltre 130 anni i nostri “prodotti perfetti”.

 

Scopri di più

Territorio

Il legame tra la Latteria di Soligo e il territorio è sempre stato forte e fondamentale nella storia della nostra Cooperativa. In questa sezione si possono trovare i suoi valori cardine

 

Scopri di più

Le iniziative sociali

  • L’economia sociale è nel dna del nostro fare impresa

    L’essere parte di un territorio significa saper camminare insieme alla propria gente guardando non solo alle proprie attività, ma anche a quello che accade intorno. Come qualsiasi famiglia “sana” sappiamo rispondere alle esigenze interne ma anche, pur nella salvaguardia del bilancio aziendale, contribuire alle attività culturali e sociali della nostra gente. Latteria di Soligo nell’arco di 130 anni ha testimoniato la solidarietà e l’aiuto alle persone più deboli e disagiate. Nel 2012 ha dato origine all’Associazione Soligo Onlus con l’esclusiva finalità di solidarietà sociale negli ambiti della beneficienza, della promozione culturale, dell’istruzione e della formazione. 

Sicurezza alimentare certa ed affidabile

Per garantire la sicurezza alimentare la Latteria di Soligo adotta un metodo di controllo – l’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) – che permette l’evitare di insorgere di problemi di tipo igienico e sanitario nella produzione di alimenti.

Questa è una prassi che si basa su un approccio di tipo preventivo, sistematico e documentato, nel quale vengono individuati i punti di controllo critici (CCP), che poi verranno monitorati ricorrendo a dei limiti critici e livelli di sicurezza fissati ricorrendo ad opportuni indicatori. A questo procedimento, seguirà infine una predisposizione di un piano di interventi correttivi.

Le certificazioni di qualità ISO (9001:2000 e 22005:2008) della Latteria di Soligo sono rilasciate da CSQA Certificazioni srl , ente italiano specializzato nel rilascio di certificazioni in ambito agroalimentare e accreditato Sincert, il Sistema Nazionale per l'Accreditamento degli Organismi di Certificazione. E’ inoltre certificata Qualità Verificata per il latte crudo e latte alimentare; DOP (Denonimazione d’Origine Protetta per i formaggi Asiago, Casatella Trevigiana, Montasio) e STG (Specialità Tradizionale Garantita) per la mozzarella.

 

pdf iconCertificazione QV Latteria Soligo                               

pdf iconCert.37220_07.03.2014

Ricerca e sviluppo

Il progetto interesserà la filiera lattiero-casearia veneta con particolare attenzione alla valorizzazione di un sottoprodotto ad oggi poco valorizzato nei caseifici. L’utilizzo di tecnologie innovative quali ultrafiltrazione e microparticolazione, unite all’utilizzo di tecnologie legate all’infrarosso e a tecniche di minicaseificazione sperimentali permetteranno la riutilizzazione della materia prima siero all’interno della struttura caseificio.

  • Lo studio

     Studio delle caratteristiche del siero e messa a punto di un metodo per la caratterizzazione rapida della materia prima siero durante il processo di caseificazione

  • La ricerca

    Individuazione, sperimentazione e implementazione della tecnica di ultrafiltrazione per la separazione della componente proteica del siero

  • Le tecniche

    Utilizzo di tecniche di mini caseificazione sperimentali per sperimentare l’utilizzo delle siero proteine nei processi di caseificazione con l’obiettivo di aumentare la resa proteica di caseificazione.

  • L'analisi

    analisi e stesura dei risultati

  • I risultati

    Disseminazione e pubblicazione dei risultati.